1 Dicembre 2023

La Spongata “Mariannina”

A casa Bersana, spongata è sinonimo di Natale! Scoprite la ricetta tradizionale che la nostra cuoca Marianna ci ha tramandato e portate così sulle vostre tavole la stessa magia di quando da bambini rubavamo un pezzetto di spongata dalla cucina della nonna, in punta di piedi, la sera della Vigilia di Natale.
la spongata mariannina

La spongata è un dolce natalizio della tradizione ebraica emiliana, la cui preparazione inizia molto prima di dicembre, il giorno di Ognissanti. La sua ricetta è antichissima, si pensa infatti che la prima spongata sia comparsa in Italia nel 1454, inviata in dono al Duca Borso d’Este di Ferrara. Da allora, questo golosissimo dolce ha mantenuto il suo posto d’onore sulle tavole di tante famiglie italiane, legando indissolubilmente il suo aroma speziato e il suo gusto agrumato alle festività natalizie.

Nella cucina di Bersana, la spongata è arrivata per la prima volta tra le mani esperte della nostra cuoca Marianna, che ce l’ha fatta conoscere e ci ha insegnato a prepararla secondo la ricetta tradizionale. È proprio a lei infatti che abbiamo deciso di dedicare questo dolce natalizio che tanto amiamo, ecco com’è nata la nostra famosa Spongata “Mariannina”!

La ricetta della Spongata “Mariannina”

INGREDIENTI (per una spongata di ca. 470 g)

PER IL RIPIENO

110 g di marmellata mista (arance, amarene, prugne, agrumi…)

40 g di fette biscottate

40 g di noci

25 g di amaretti

20 g di mandorle

15 g di uvetta

15 g di miele

10 g di pinoli

La buccia di una mezza arancia (edibile)

Cannella a piacere

Chiodi di garofano a piacere

PER L’IMPASTO

110 g di farina Tipo 1

25 g di burro

20 g di zucchero

8 g di lievito per dolci

1 tuorlo (preferibilmente piccolo)

1 cucchiaino di succo di limone

1 cucchiaino di vino bianco

PER GUARNIRE

Zucchero a velo q.b.

PROCEDIMENTO

Iniziate col preparare il ripieno della spongata.

Tritate le noci e le mandorle, sbriciolate le fette biscottate e gli amaretti, mantenete invece interi i pinoli; mescolate il tutto insieme alla marmellata che preferite (consiglio della nonna: più aspra è la marmellata, meglio è!). A parte, tagliate la buccia di arancia a cubetti (se preferite una consistenza uniforme potete frullarla) e amalgamatela al pesto; per aumentare l’acidità del ripieno, potete aggiungere anche il succo dell’arancia, ricordate che comunque il risultato non deve essere troppo dolce. Completate con un pizzico di cannella e qualche chiodo di garofano a piacere, mescolate il tutto.

ECCO IL VERO SEGRETO DELLA SPONGATA MARIANNINA:

Il ripieno va fatto riposare a temperatura ambiente, ben coperto, per 3 settimane!

Quando il pesto ha riposato a dovere è pronto e possiamo passare a preparare l’impasto della spongata.

Sciogliete lo zucchero nel burro fino a ottenere una cremina; aggiungete la farina, il lievito setacciato, il tuorlo d’uovo e iniziate a mescolare. Unite quindi anche il succo di limone e il vino bianco, continuando sempre ad amalgamare. Dovreste ottenere un impasto morbido e manipolabile, se questo risulta troppo secco o duro, regolate con un pochino di vino.

A questo punto, dividete a metà l’impasto per ottenere due palline: una per la base, leggermente più grande, e una per il coperchio, leggermente più piccola. Stendete la base con un mattarello fino a ottenere una sfoglia abbastanza sottile, rotonda, di diametro 20 cm. Adagiate la base sul fondo di una padellina da forno rotonda della stessa dimensione e aggiungete il ripieno, stendendo bene la superficie. Coprite il tutto con il coperchio, (anche questo lavorato precedentemente con il mattarello) e ripiegate su di esso i bordi in eccesso della base. Schiacciate delicatamente i bordi con i rebbi di una forchetta e bucherellate la superficie.

Cuocete in forno preriscaldato a 180° per 20 minuti. Quando pronta, tirate fuori la spongata dal forno, lasciate raffreddare e spolverizzate la superficie con zucchero a velo. Buon assaggio… e buon Natale a tutti!

Articoli correlati

Se siete passati dalla nostra fattoria vi sarete certamente imbattuti nella nostra buffa mascotte, Franchino il maiale. Ma quanti di voi conoscono la sua storia e le sue vere “origini”? Vi raccontiamo del nostro primo incontro e del colpo di fulmine che ci ha letteralmente folgorato!
I tortelloni sono uno dei pilastri della cucina emiliana. Presso l’agriturismo Bersana, portiamo avanti la tradizione della pasta fresca fatta in casa, proponendo ai nostri ospiti le ricette tramandateci dalle nostre nonne. I tortelloni ricotta e spinaci sono un classico intramontabile del nostro menù e sempre una deliziosa garanzia!
Nel “Nuovo Mondo Antico” di Bersana portiamo avanti con orgoglio un’arte “scolpita” nel passato contadino delle nostre terre: la macinatura a pietra. Tutte le nostre farine sono macinate a pietra negli antichi mulini che abbiamo recuperato, restaurato e rimesso in funzione proprio qui, presso la nostra azienda agricola. Leggete la storia del nostro Mulino dell’Orbo!