16 Gennaio 2024

L’arte dei tortelloni: pazienza, abilità e passione

I tortelloni sono uno dei pilastri della cucina emiliana. Presso l’agriturismo Bersana, portiamo avanti la tradizione della pasta fresca fatta in casa, proponendo ai nostri ospiti le ricette tramandateci dalle nostre nonne. I tortelloni ricotta e spinaci sono un classico intramontabile del nostro menù e sempre una deliziosa garanzia!
Ricetta tortelloni ricotta e spinaci

I tortelloni dal classico ripieno ricotta e spinaci sono uno dei pilastri fondanti della cucina tradizionale emiliana. Quella cucina che ci è stata tramandata dalle nostre nonne, che abbiamo appreso fin da bambini ammirando le loro mani esperte e ascoltando quella voce rassicurante che ci spiegava paziente come rompere un uovo e come fare la “piega” perfetta ai tortelli. I tortelloni sapranno per noi sempre di casa, del pranzo della domenica in famiglia, dell’abbraccio delle persone più care, soprattutto di quelle che oggi non sono più con noi.

Presso il nostro agriturismo Bersana, vogliamo rendere omaggio a chi ci ha insegnato tanto, portando avanti con dedizione un’arte secolare, quella della pasta fresca, che richiede pazienza, abilità, passione… e un’ottima ricetta da seguire!

Preparare i tortelloni ricotta e spinaci può sembrare complicato a prima vista, ma vi garantiamo che, con un minimo di pratica, i giusti strumenti e ingredienti di buona qualità, anche i cuochi più inesperti riusciranno a ottenere risultati sorprendenti (per non parlare della grandissima soddisfazione personale nel poter gustare una pietanza realizzata interamente con le proprie mani!).

Se anche voi avete voglia di cimentarvi nella preparazione dei tortelloni ricotta e spinaci, continuate a leggere qui sotto per scoprire la nostra ricetta di famiglia!

Vi suggeriamo di provarla insieme ai vostri bambini, per continuare ciò che le nostre nonne hanno iniziato: condividere con le nuove generazioni un momento speciale di convivialità, tradizione e amore.

La ricetta tradizionale dei tortelloni

INGREDIENTI (per 4 persone ca.)

PER IL RIPIENO

300 g di ricotta

150 g di Parmigiano Reggiano

80 g di spinaci

Sale q.b.

PER LA SFOGLIA

400 g di farina Tipo 1

4 uova intere

PROCEDIMENTO

Iniziate preparando il ripieno dei tortelloni. Saltate gli spinaci in padella con un filo di olio (o burro a piacere), lasciateli raffreddare e una volta freddi strizzateli bene per rimuovere l’eccesso di liquidi. Questo è il segreto per ottenere un ripieno “sodo” e non acquoso. Tritate gli spinaci finemente.

A parte, mescolate la ricotta con il parmigiano e un pizzico di sale. Aggiungete quindi gli spinaci e amalgamate con cura. Per ottenere un ripieno ancora più saporito, lasciate riposare il tutto per 1 ora/1ora e mezza, in modo che gli ingredienti “riposino” bene.

Passate quindi alla preparazione della pasta all’uovo per la sfoglia dei tortelloni. Su un tagliere di legno, versate la farina Tipo 1 e create un “buco” al cui interno rompere le uova. Mescolate il tutto con le mani e impastate fino a ottenere un composto non eccessivamente morbido.

A questo punto, armati di mattarello, tirate l’impasto facendo attenzione a non esagerare: dovete ottenere una sfoglia con una certa consistenza, non troppo sottile, perché altrimenti non sarà in grado di sostenere il ripieno e si romperà in cottura.

Dalla sfoglia, tagliate dei quadrati di circa 6 cm e al centro di ognuno adagiate una cucchiaiata di ripieno. Piegate quindi il quadrato a metà per formare un triangolo e ripiegatelo nuovamente su se stesso per ottenere il tortello.

Se riscontrate qualche difficoltà nella “piegatura dei tortelloni”, vi suggeriamo di chiedere aiuto a qualcuno più esperto, che saprà guidarvi passo passo e tramandarvi questa preziosissima arte manuale… Non scoraggiatevi comunque: per realizzare dei tortelloni perfetti serve davvero tanta pratica!

Potete cuocere subito i tortelloni e servirli al momento. Se invece desiderate consumarli più avanti, vi consigliamo innanzitutto di sbollentarli e poi conservarli in congelatore, per un massimo di 2 mesi.

Articoli correlati

Se siete passati dalla nostra fattoria vi sarete certamente imbattuti nella nostra buffa mascotte, Franchino il maiale. Ma quanti di voi conoscono la sua storia e le sue vere “origini”? Vi raccontiamo del nostro primo incontro e del colpo di fulmine che ci ha letteralmente folgorato!
A casa Bersana, spongata è sinonimo di Natale! Scoprite la ricetta tradizionale che la nostra cuoca Marianna ci ha tramandato e portate così sulle vostre tavole la stessa magia di quando da bambini rubavamo un pezzetto di spongata dalla cucina della nonna, in punta di piedi, la sera della Vigilia di Natale.
Nel “Nuovo Mondo Antico” di Bersana portiamo avanti con orgoglio un’arte “scolpita” nel passato contadino delle nostre terre: la macinatura a pietra. Tutte le nostre farine sono macinate a pietra negli antichi mulini che abbiamo recuperato, restaurato e rimesso in funzione proprio qui, presso la nostra azienda agricola. Leggete la storia del nostro Mulino dell’Orbo!